Mare Nordest 2018

Giunta con crescente successo alla VII edizione e particolarmente attesa in quanto fortemente integrata nel tessuto economico e culturale cittadino, la manifestazione “Mare Nordest”, promossa da Trieste Sommersa Diving, associazione senza fini di lucro, intende proporsi sempre più stabilmente come punto di riferimento delle attività per il mare, sul mare e del mare dell’intero Nord Est.

Ospitato nel corso degli anni in prestigiose location quali la Stazione Marittima e il Molo IV, l’evento – che nel 2018 si terrà dall’8 al 10 giugno alla Centrale Idrodinamica – prevede eventi e incontri che coinvolgono le principali figure professionali che ruotano attorno al mare in vari ambiti: dai trasporti alla cantieristica alla subacquea professionale e ricreativa, ricerca scientifica, ambiente, sport acquatici e, naturalmente, turismo e promozione del territorio.

L’aspetto culturale e didattico della manifestazione sarà garantito dai vari seminari, le esperienze artistiche, i filmati e le mostre fotografiche che saranno allestite nel corso dell’evento. Sono previsti vari incontri di approfondimento a cura dei principali partner istituzionali scientifici, quali Università degli Studi di Trieste, Istituto Nazionale di Ocenografia e di Geofisica Sperimentale — OGS sui temi monitoraggio del mare, depurazione delle acque, inquinamento e microplastiche e laboratori e attività a cura di WWF – AMP Miramare.

Tra i relatori delle passate edizioni, spiccano i nomi di Patrizia Maiorca, della biologa marina Sara Andreotti, del recordman di apnea Massimiliano Vidoni, di Alberto Mancini, yacht designer premiato nel 2016 con il Compasso d’Oro dall’ADI-Associazione per il design industriale, del giornalista e accademico Nicolò Carmineo e di Bruno Dumontet, che all’interno del progetto Expedition Med a bordo di una barca – proseguendo il lavoro di Charles Moore che scoprì e rivelò al mondo l’esistenza di un’isola di plastica nell’Oceano Pacifico – continua a monitorare le acque del Mediterraneo per rilevare l’inquinamento da plastica.

Particolare attenzione verrà riservata anche quest’anno al mondo dell’istruzione con il coinvolgimento diretto degli studenti. Nella giornata inaugurale, dopo il saluto delle Autorità, sono previsti gli interventi di Silvia Ceramicola e Paola Del Negro dell’Istituto Nazionale di Ocenografia e di Geofisica Sperimentale – OGS: Silvia Ceramicola si soffermerà sul tema “Le scovazze in fondo al mar… alla scoperta degli ambienti marini profondi dove la spazzatura è arrivata prima di noi” (il problema dei rifiuti scaricati nel mare dall’uomo sta emergendo infatti come uno dei più gravi problemi globali a cui ci troviamo di fronte: secondo le stime, la maggior parte dei rifiuti – oltre il 90% – sprofonda sui fondali, il 5% circa si deposita sulle spiagge e solo l’1% galleggia in superficie) e Paola Del Negro tratterà l’argomento “Il plancton di plastica….”. La presenza di microplastiche (particelle di dimensioni inferiori a 5 mm.) è abbondante e molto pericolosa. Fluttuando nella colonna d’acqua possono essere involontariamente ingerite da un numero enorme di organismi e (per il maggior rapporto superficie/volume) possono assorbire più contaminanti tossici (a parità di peso) dei frammenti di maggiori dimensioni. Tali sostanze, possono essere poi rilasciate (assieme a tutte le stanze utilizzate nel ciclo produttivo della plastica) dopo l’ingestione accidentale e concentrarsi nella catena alimentare.

International Underwater Photo Contest City of Trieste 2018

Grande rilevanza internazionale è riservata all’annuale Trofeo Internazionale di Fotografia Subacquea “Città di Trieste”- Memorial Moreno Genzo, ospitato all’interno della rassegna, che richiama fotografi da tutto il mondo e contribuisce così a diffondere la cultura del mare e far conoscere Trieste e tutte le sue realtà (scientifiche, culturali ed economiche) a livello planetario.
Giunto alla sua quarta edizione e già stato definito dai fotografi subacquei, nazionali ed esteri, uno dei più autorevoli su scala mondiale.

Mare Nordest Trieste

Come ulteriore messaggio di attenzione verso il mondo marino è prevista l’ormai tradizionale “Pulizia dei Fondali” che richiama subacquei da tutto il Nord Italia e sarà affiancata da dimostrazioni di salvataggio in mare con l’ausilio di unità cinofile della Scuola Italiana Cani Salvataggio.
La IV Operazione Clean Water si svolgerà il 10 giugno nella splendida cornice della Scala Reale e del Molo Audace, davanti piazza Unità d’Italia a Trieste.

Anche la VII edizione della manifestazione prevede la partecipazione delle massime personalità locali e nazionali legate al mondo del mare ed è rivolta a tutti gli appassionati del settore i prestigiosi relatori si soffermeranno sui mestieri e le professionalità che ruotano attorno all’elemento blu: si susseguiranno interventi di designer, comandanti di navi e maestri d’ascia per illustrare agli studenti, categoria a cui ci rivolgiamo principalmente, gli sbocchi lavorativi legati al mare. Ma non mancheranno altri elementi di fascino, rappresentati dall’archeologia subacquea e da altre attività come le spedizioni in Antartide che contribuiranno a svelare i miti e i misteri che circondano da sempre il contesto marino.

La splendida location, all’interno del Porto Vecchio di Trieste, garantirà come sempre il massimo e necessario coinvolgimento emozionale di tutti i visitatori richiamati dalle varie esperienze proposte.
Durante l’evento è previsto inoltre un Corso di aggiornamento con crediti per giornalisti del settore mare tenuto dai più famosi giornalisti del settore tra i quali Romano Barluzzi, già editor di Linea Blu e Leonardo D’Imporzano quest’anno insignito del prestigioso premio Tridente D’Oro.

Ulteriori informazioni, oltre che su questo sito, sono presenti sulla nostra pagina Facebook.

Condividi