Tuffi Show

Sabato 18 maggio alle ore 15:00 i più forti tuffatori a livello mondiale, tra i quali anche l’attuale campione delle World Series Gary Hunt, si tufferanno dalla Piattaforma Ursus.

Patrocinio
Federazione Italiana Nuoto

Ospiti d’onore: l’Olimpionico Klaus Dibiasi e la campionessa Noemi Batki.

La disciplina

Quello dei tuffi da grandi altezze, disciplina conosciuta anche con il nome di “cliff diving” o “high diving”, è considerato uno sport estremo che consiste nel tuffarsi in mare da alte scogliere o strutture create dall’uomo.

E’ opinione comune tra gli storici dello sport ritenere che i tuffi nascano per l’esigenza di entrare in acqua in modo sicuro e controllato e che già in tempi antichi fossero praticati con regolarità come parte integrante della preparazione militare. Il primo riferimento storico risale con tutta probabilità al 1770, quando Kahekili, l’ultimo re indipendente dell’isola di Maui, si dedicò a una pratica chiamata lele kawa che significa “saltare da rocce molto alte, entrando prima con i piedi ed evitando schizzi elevati”. Il suo salto veniva considerato sacro. Il monarca iniziò poi a costringere i suoi nakoa (guerrieri) a seguire il proprio esempio affinché dimostrassero il loro valore, la loro audacia e la loro lealtà. Con il suo successore, Kamehameha I, gli hawaiani iniziarono a praticare il “lele kawa” in forma di competizione: venivano infatti valutati lo stile del tuffo e la quantità di schizzi durante l’ingresso in acqua.

I tuffatori

Si potranno ammirare le evoluzioni del tre volte campione del mondo, l’inglese Gary Hunt e delle medaglie d’argento e bronzo agli ultimi Mondiali di Budapest, rispettivamente il ceco Michal Navratil e l’atleta della Trieste Tuffi Edera 1904 Alessandro De Rose – l’unico tuffatore italiano dalle Grandi Altezze.

E poi di Oleksiy Prygorov, l’ucraino medaglia di bronzo nel sincro alle Olimpiadi del 2008 di Pechino, del rumeno Constantin Popovici, finalista ai Mondiali di Roma del 2009 dalla piattaforma di 10 metri e del polacco Kris Kolanus, vincitore lo scorso anno delle World Series in Texas.

La giuria sarà coordinata da Claudio De Miro, arbitro tra i più competenti a livello internazionale.

Venerdì 17 maggio, alle ore 17, presso la piscina Bruno Bianchi di Largo Irneri, 1 si potrà assistere a uno show che vedrà impegnati tutti i tuffatori presenti alla manifestazione tra i quali quattro rappresentanti della Trieste Tuffi, sponsor tecnico della manifestazione.

Sia venerdì che sabato, oltre ai già citati Gary Hunt, Michal Navratil, Alessandro De Rose, Oleksiy Prygorov, Constantin Popovici e Kris Kolanus, si tufferanno anche gli importanti atleti, partecipanti ai campionati italiani e internazionali, Davide Baraldi, Ice Club Como, nazionale giovanile; Stefano Belotti, Bergamo tuffi, nazionale giovanile; Matilede Borello, Blu 2006 Torino, vicecampionessa italiana; Giorgia Schiavone, Trieste Tuffi, bronzo ai campionati italiani; Paola Ciacchi, Trieste Tuffi, bronzo ai campionati italiani, Gabriele Auber, Trieste Tuffi, vari titoli italiani e finalista agli Europei e ai Mondiali ed Eduard Timbretti, Blu 2006 Torino, vicecampione italiano.

La location

Ursus, pontone costruito nel 1914 e alto più di 80 metri, è oggi icona della città di Trieste.

Mare Nordest 2019 area tuffi

Cosa vedere a Trieste

Per maggiori informazioni visitate i siti:
Promo Turismo FVG – Trieste
Discover Trieste

Hotel e ristoranti convenzionati

Celestino pizza gourmet Trieste

Per informazioni

Arrivare a Trieste in automobile

Le vie di accesso alla città sono sostanzialmente tre:

  • autostrada A4 Venezia Trieste, casello del Lisert, uscita Sistiana e SS.14 Costiera, la più panoramica e preferita dai turisti, vale la pena per vedere Trieste e il suo mare;
  • dall’Istria si passa per il confine di Stato di Rabuiese (Muggia) e si segue la SS.15 via Flavia che porta in centro;
  • dalla Slovenia (Lubiana) si passa il confine di Stato di Fernetti SS.58 Carniola, si passa per il paese di Opicina e si scende lungo strada nuova per Opicina.

Per chi preferisce il treno

Rive, Molo Audace, Piazza dell'Unità d'Italia e Villaggio Mare Nordest sono a pochi passi dalla Stazione Trieste Centrale.

Per chi preferisce l’aereo

Aereoporto Ronchi dei Legionari, collegamento con bus navetta con il centro città.

Condividi