per un mare senza plastica

Educazione ambientale

Progetti di educazione ambientale presso la collettività e le scuole di ogni ordine e grado

L’aspetto culturale e didattico a tema ambientale viene garantito da conferenze e seminari, proiezioni di filmati e mostre fotografiche a tema Mare, laboratori e attività formative atte a sollecitare una maggiore consapevolezza sui temi ambientali e ad aumentare la voglia e la capacità di reagire al degrado anche con la collaborazione dei nostri principali partner istituzionali scientifici quali l’Università degli Studi di Trieste (Dipartimenti di Matematica e Geoscienze, Scienze della Vita, Ingegneria e Architettura), l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS, Museo Nazionale dell’Antartide, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ARPA FVG. La ricchezza e la qualità dei contenuti offerti è altresì testimoniata dall’ottenimento del prestigioso patrocinio di proEsof 2020.

Scuole

Per quanto riguarda il mondo delle scuole, sono stati coinvoiti direttamente studenti sia di lingua d’insegnamento italiana che slovena in un’ottica di collaborazione transfrontaliera sempre più stretta tra i paesi contermini che si affacciano sul mare.
Cinque anni fa abbiamo condotto gli alunni della scuola primaria e secondaria alla visita del nostro Acquario e abbiamo fatto loro conoscere la biologia marina direttamente attraverso la voce di Patrizia Maiorca, stella d’oro al merito sportivo del CONI nonche’ figlia di Enzo Maiorca, il piu’ volte detentore del record mondiale di immersione in apnea. Abbiamo inoltre offerto loro l’opportunita’ di essere direttamente coinvolti in campagne di monitoraggio delle acque del nostro Golfo accompagnati e assistiti da ricercatori dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS.

Nel 2017 abbiamo istituito un concorso gratuito per tutte le scuole secondarie di secondo grado della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia dove ai ragazzi partecipanti e’ stato richiesto di raccontare con un breve eleborato scritto o video la propria visione rispetto al tema dell’inquinamento del Mare.

Piu’ recentemente invece, presso il Salone di Rappresentanza del Palazzo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia di Piazza dell’Unita’ d’Italia, abbiamo coordinato incontri di divulgazione sulla “Biologia degli affioramenti rocciosi del Golfo di Trieste” grazie ai collaboratori di ARPA FVG Lisa Faresi e Nicola Bettoso, sul “SEABIN – il cestino del mare” a cura di Stefano Cirilli del Dipartimento di Matematica e Geoscienze dell’Università degli Studi di Trieste ed Ester Colizza del Museo Nazionale dell’Antartide, mentre Annalisa Falace del Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università degli Studi di Trieste ha relazionato su “Foreste marine da proteggere e restaurare”. Gli studenti triestini dell’Istituto nautico Tommaso di Savoia Duca di Genova e del Liceo scientifico Galileo Galilei hanno presentato quanto elaborato nel corso del progetto di Alternanza Scuola Lavoro “3R” avente per obiettivo la divulgazione di buone pratiche relative alla Riduzione, Riciclo e Riutilizzo dei Rifiuti presso i propri coetanei, con particolare attenzione alle plastiche. E’ seguita la proiezione di un video realizzato dagli studenti dell’Istituto Nautico e la consegna degli attestati del Progetto “Nautici in Blu” da parte di Maria Cristina Pedicchio, Segretario Generale della Delegazione Marevivo Friuli Venezia Giulia alla presenza di Klaus Dibiasi, oro olimpico nei tuffi.